Angel: un profumo da favola di Thierry Mugler

da , il

    Angel: un profumo da favola di Thierry Mugler

    Oltre ai profumi rivoluzionari, ai profumi nati da sfide creative, negli anni ne sono nati alcuni destinati ad essere l’emblema di una favola. Angel fragranza di Thierry Mugler, avrebbe dovuto evocare l’infanzia e la femminilità pura, così nacque il profumo nel flacone a forma di stella di un colore blu intenso. La stella è l’elemento d’ispirazione per Thierry Mugler che riconosce in questo elemento astrale la sua musa ispiratrice: probabilmente tutto frutto delle numerose notti passate sotto il cielo ad osservare le stelle, quando ancora era un bambino. Questo profumo non è nato con semplicità, non è bastato un tentativo, neppure una decina, bensì 608 tentativi perché nascesse finalmente la fragranza che lo stilista aveva immaginato nella sua mente originale e creativa!

    Davvero una storia che sembra più una leggenda, tuttavia è vero però che le stelle sono preziose e non nascono per caso, ma solo se fortemente volute. Ogni stella è l’espressione di un desiderio intenso di qualcuno che l’ha posta in cielo per averla ogni giorno come punto di riferimento!

    Parte dell’originalità di Angel, nasce dall’utilizzo degli odori del cioccolato e del caramello, sino ad allora mai utilizzate: si tratta del primo profumo che ricordi l’infanzia che non abbia tra i suoi ingredienti almeno un fiore.

    Oltre alle centinaia di tentativi per creare il profumo che Thierry Mugler aveva in mente, ci vollero diversi mesi anche per riuscire a realizzare il flacone a forma di stella. Moltissimi vetrai consultati risposero che il progetto era quanto mai utopistico. Solo i maestri vetrai Brosse accettarono di collaborare. Quando poi, a pochi mesi dal lancio del profumo sul mercato, ci si accorse che il flacone prodotto non rispettava il progetto, ci fu una fase di panico. Dopo aver verificato minuziosamente ogni aspetto della realizzazione del contenitore ci si accorse che il problema era una semplice corrente d’aria che ostacolava il corretto funzionamento del macchinario (creato apposta per la costruzione di questo contenitore…).

    Tutto finì nel migliore dei modi: di lì a breve tempo, sarebbe nato un Angel dentro la sua stella blu.