Chirurgia plastica: Emmanuelle Béart rovinata, si schiera contro

da , il

    Chirurgia plastica: Emmanuelle Béart rovinata, si schiera contro

    Di disastri la chirurgia plastica ne combina in continuazione, miete vittime ovunque partendo dal mondo dello star system, per giungere a quello dei comuni mortali. La notizia di questi ultimi giorni è che l’ennesima attrice si è ritrovata con il volto totalmente deturpato da continui interventi di chirurgia estetica ed ora, accortasi del disastro ottenuto, ha deciso di fare outing e dichiarare aperta la propria lotta personale contro questo genere di operazioni. Così, l’attrice Emmanuelle Béart diventa attivista pubblica contro la chirurgia plastica: ‘Purtroppo spesso si crede di poter migliorare il proprio aspetto ma sovente, a causa di errori, ci si ritrova con danni irrimediabilmente irreparabili‘.

    Quando ciò accade, nessuno potrà più restituirvi il vostro aspetto naturale.

    L’attrice ha confessato: ‘Mi sono rifatta la bocca quando avevo 27 anni. E’ stato un lavoro pasticciato. Ovviamente, se mi fosse piaciuta la mia bocca, non me la sarei fatta rifare’.

    Purtroppo è il rapporto che abbiamo con la parte del nostro corpo che non ci piace, che bisognerebbe riuscire a cambiare, il centro della questione sta proprio lì: se ogni donna riuscisse ad acettare il proprio naso, la propria bocca la chirurgia plastica avrebbe finito di mietere vittime.

    Se un uomo o una donna si rifà qualcosa, è perché non riesce a vivere con quella parte del corpo, non la sopporta più: o si riesce ad essere aiutati e a trovare la forza per combattere (questo bisogno di chirurgia plastica) o si proce con la cosa’, sostiene l’attrice.

    Ora per Emmanuelle Béart guidare le donne verso una scelta consapevole è una questione personale: ‘Ne sono rimasta fortemente impressionata. E’ un atto molto importante nel quale non si intravedono sempre tutte le necessarie conseguenze. Solo l’idea di un’iniezione ora come ora mi devasta, perciò non so come riuscirò a superare questi stadi, la mezza età e l’anzianità’.

    Miss Beart, in veste di attrice, lo sa bene cosa significhi invecchiare nel mondo del cinema, soprattutto essendo donna. Per molte attrici il ricorso alla chirurgia plastica rappresenta una forte mancanza di fiducia in sé stesse, più che una reale necessità estetica: queste donne più che criticate quindi andrebbero aiutate.