Rihanna lancia il profumo Reb’l Fleur

da , il

    Rihanna lancia il profumo Reb’l Fleur

    Il mese prossimo uscira il primo profumo della cantante Rihanna, Reb’l Fleur, descritto come un mix di muschio, vaniglia, patchouli e ambra, che va ad accodarsi alla serie di profumi promossi dalle celebrities. Una firma che non fa altro che accrescere la celebrità delle giovane artista, in passato protagonista di spiacevoli vicende con l’ex fidanzato e oggi una delle star più acclamate nel panorama musicale internzazionale; lei che a soli 22 anni, originaria delle Barbados, è riuscita in pochissimo tempo a duettare con nomi celebri come Eminem, Cheryl Cole, Lady Gaga, Nick Drake e tanti altri, e ad essere l’artefice di numerosi progetti.

    In collaborazione con la Parlux Fragrances Inc, Rihanna realizza il suo primo profumo, il cui nome è stato ispirato dalla nonna dell’artista: ‘Quando sono a casa, nelle Barbados, mia nonna mi chiama la sua Rebel Fiore‘, ha rivelato Rihanna ad un magazine americano. Un profumo unico in grado di soddisfare e riflettere quindi la sua personalità.

    Dopo Taylor Swift sostenuta dall’azienda Elizabeth Arden, e Katy Perry con Purr, anche Rihanna sente il bisogno di creare una sua personale fragranza con un prodotto a cui la cantante pensava da anni e che nel corso di questo tempo ha cercato di riprodurre miscelando diversi profumi con l’intento di ottenere qualcosa di veramente suo. Il frutto di tale lavoro è un profumo delizioso e speciale, che rifletta la notte e le note, per lasciare un ricordo sexy. Inoltre, in occasione della conferenza stampa del lancio di Reb’l Fleur, la cantante ha dichiarato che una donna dovrebbe sempre osare in modo diverso e non dovrebbe mai essere disposta a far vivere la sua vita agli altri: ‘Questo profumo è il simbolo della mia passione per l’individualità e per questo vi prometto che Reb’l Fleur non sarà facilmente dimenticato‘.

    Reb’l Fleur sarà distribuito nei grandi magazzini degli Stati Uniti a partire da febbraio 2011 e sarà in vendita a 49 dollari per una bottiglia da 1,7 ml l’una. Per l’Italia non resta quindi che aspettare.