Arredamento 3D: immagini foto realistiche per arredare virtualmente

da , il

    Il mondo ormai è pieno di 3D, ovunque: al cinema, sulle riviste, in Tv. Ma non basta, ci si è spinti oltre, portando l’arredamento 3D dentro casa, rendendo praticamente reale il virtuale, grazie ad immagini realistiche realizzate al computer. In sostanza stiamo parlando di sedie, tavoli, armadi, che non esistono ma si percepiscono come reali. Avevamo già visto qualcosa di simile con l’esperimento di alcuni artisti olandesi che decoravano le pareti utilizzando un proiettore, ma qui si tratta di immagini 3D foto realistiche, grazie alle quali le aziende di design non avranno più bisogno di assemblare, colorare e trasportare tutta la mobilia per fotografarla e realizzare i cataloghi di arredamento. Grazie a questa nuova tecnologia è quindi possibile ridurre le emissioni e salvaguardare l’ambiente.

    Ovviamente si tratta di un’applicazione per ora solo dedicata all’arredamento commerciale, non domestico, ma non si esclude questa via in un futuro non troppo prossimo. La nota positiva, e che quindi merita menzione, riguarda il fatto che non ci sarà bisogno di tagliare alberi, utilizzare vernici e far viaggiare camion per comporre i set da cui vengono poi fotografati i cataloghi. È l’azienda italiana U6 Studio che ha portato in Italia l’arredamento 3D sfruttando immagini tridimensionali fotorealistiche, abbattendo di fatto le emissioni di CO2 di 4 tonnellate per ogni catalogo stampato, oltre a 20 litri di vernice (cui vanno aggiunti i solventi) e a tutti i gas di scarico prodotti dai camion dedicati al trasporto della merce verso gli studi fotografici.

    Un’iniziativa italiana, quella di U6 Studio, che merita sicuramente stima ed attenzione.