Cani e gatti obesi: il sovrappeso passa dai padroni ai cuccioli

da , il

    Cani e gatti obesi: il sovrappeso passa dai padroni ai cuccioli

    Animali domestici e padroni si somigliano: questo purtroppo non è vero solo nei pregi fisici e comportamentali ma lo è altrettanto nei difetti. Secondo una nuova ricerca condotta su oltre 20 animali e pubblicata on line su ‘Proceedings della Royal Society B’ cani e gatti tenderebbero infatti ad emulare i padroni addirittura nelle tendenza ad essere fortemente in sovrappeso. Gli uomini obesi stanno contagiando gli amici a 4 zampe? Pare proprio di sì: i più a rischio sono ovviamente quelli domestici, seguiti da quelli selvatici che vivono in prossimità di centri urbani e che con molta probabilità vengono nutriti dalle persone e infine quelli utilizzati nei centri di ricerca.

    Probabilmente vi sarà capitato di passeggiare in città e di vedere cani o gatti decisamente sovrappeso ma ora questa constatazione sembra avere anche un riscontro scientifico. A capo della ricerca c’è David Allison, un biostatistico che lavora presso l’Università britannica di Alabama a Birmingham: attraverso i suoi test sono stati misurati i cambiamenti di peso di un ampio campione di oltre 20 specie di primati e roditori utilizzati per la ricerca, gatti e cani domestici, topi selvatici e cittadini. Il collegamento in alcuni casi è evidente: i ratti selvatici ad esempio, che frugano tra i rifiuti in città, adattano inevitabilmente il loro regime alimentare a quello degli uomini. Il fatto che questo problema non riguarderebbe assolutamente gli animali che vivono in libertà nel loro habitat conferma la veridicità della teoria. L’epidemia di obesità si starebbe quindi trasmettendo dall’uomo agli animali: se non vogliamo dimagrire per la nostra salute fisica facciamolo almeno per tutelare i nostri amici a 4 zampe!