Cocciniglie dannose per le piante, come riconoscerle

da , il

    Cocciniglie dannose per le piante, come riconoscerle

    Le cocciniglie sono piccoli insetti che attaccano le piante da interno e da esterno e quindi rappresentano un grave problema per il loro sviluppo e la loro sopravvivenza. Questi insetti, con il loro apparato boccale, sottraggono la linfa e le sostanze nutritive dalle piante attaccando prevalentemente le parti verdi più succose e tenere come le foglie. Le parti delle piante che vengono colpite da questi insetti ingialliscono, deperiscono e successivamente, se non si interviene tempestivamente, cadono o marciscono del tutto. In caso di attacchi ripetuti nel corso degli anni, le cocciniglie possono provocare addirittura la morte della pianta, soprattutto se giovane o più delicata.

    La loro pericolosità deriva anche da alcuni fattori come una notevole capacità riproduttiva e di adattamento (soprattutto in luoghi caldi e umidi). I più diffusi tipi di cocciniglia sono quelle cotonose e quelle a scudetto. Le piante più soggette all’attacco di questi insetti, invece, sono le piante a fogliame decorativo, le piante grasse e le piante fiorite. Oltre alla prevenzione è importante saper riconoscere questi insetti immediatamente in modo da rendere più efficaci i trattamenti cui si dovrà sottoporre la pianta. Riconoscerli per fortuna non è affatto difficile!

    Infatti, ad occhio nudo si vedono facilmente, anzi, almeno inizialmente è più facile riconoscere gli insetti che i danni che arrecano alla pianta. L’elemento che maggiormente caratterizza le cocciniglie sono le strutture di protezione al di sotto delle quali esse si nascondono. Queste coperture rappresentano un ottimo strumento di difesa dagli agenti esterni e variano a seconda del tipo di cocciniglia. In particolare, la consistenza di queste strutture di protezione può essere cotonosa, lanosa e cerosa. La forma, invece, può essere semisferica, a scudetto, a stella o a virgola mentre le dimensioni variano da pochi millimetri a 1 centimetro.