Colorare le pareti: attente a non sbagliare le tinte!

da , il

    Colorare le pareti: attente a non sbagliare le tinte!

    Ora come non mai è diffusa la tendenza a colorare le pareti di casa con tinte forti, per dare agli ambienti un tocco di originalità e per generare buonumore. Il problema è che spesso si compiono degli errori nella scelta delle tinte o delle tonalità, con effetti anche opposti rispetto a quelli sperati. La guida di un esperto è quindi quantomeno consigliata per districarsi nel complesso labirinto dei colori e della loro influenza sul nostro umore. Sbagliare è infatti molto semplice, perché a volte si segue semplicemente l’istinto momentaneo (ad esempio tinte accese ispirate alla primavera, visto che questo è il periodo migliore per rinfrescare casa) , dimenticando che poi i colori resteranno per tutto l’anno.

    Secondo uno studio del sito Casa.it, la maggior parte degli italiani porrebbe al primo posto, tra i lavori domestici, proprio la tinteggiatura delle pareti, prediligendo il fai da te e solo una percentuale minima, inferiore al 10%, farebbe ricorso all’esperienza di una figura specializzata.

    I colori delle pareti vanno scelti con un criterio determinato, non possono prescindere da un momentaneo stato d’animo o riflettere semplicemente la personalità dei componenti della casa. Da non dimenticare il fatto che il rapporto con l’arredamento non deve essere trascurato, anche in previsioni di future modifiche: se si ha intenzione di apportare dei cambiamenti, bisogna anche considerare una tipologia di colori neutri o adeguati a quella che potrebbe essere una prossima soluzione.

    Districarsi nel mare di colori non è affatto facile, anzi nasconde insidie spesso trascurate e che l’occhio inesperto non può vedere e comunque non è in grado di prevedere.