Come posizionare il televisore in casa

da , il

    Come posizionare il televisore in casa

    Quando si compra, o si prende in affitto una nuova, oppure se si ristruttura la propria, tutto l’arredamento deve essere riconsiderato, perché cambiano spazi e dimensioni. Anche la televisione, che può sembrare un elemento da sottovalutare a livello di arredamento, rappresenta un tassello importante nell’organizzazione della casa. Per prima cosa, oggi anche i televisori più economici hanno una linea di design, per cui possono essere ben esposti e, più importante, devono essere posizionati in modo da esprimere praticità e facilità d’uso.

    Quando prendere in considerazione gli spazi, ricordatevi che il televisore va posizionato secondo dei parametri di altezza, di distanza dagli occhi e di angolazione.

    Per il primo aspetto, cercate di porre il centro dello schermo in linea con gli occhi, la distanza ideale si calcola moltiplicando per cinque la dimensione dello schermo in pollici (che poi dovete convertire in centimetri: ad esempio, se la diagonale è di 50 pollici, allora la distanza sarà uguale a 50×2,54×5, cioè 6,35 metri).

    L’angolazione, invece, andrebbe tenuta sempre frontale nei confronti dello spettatore, ma se avete un divano ad angolo, ovviamente dovete ruotare leggermente lo schermo per consentire una visione ottimale a tutti; in questo caso, però, fate in modo che l’angolo non sia superiore ai 35 gradi.

    Importante è anche il posizionamento del televisore rispetto alle fonti di luce, siano esse naturali o artificiali. I riflessi sono fastidiosi e disturbano le immagini e, per la salute degli occhi, sarebbe opportuno avere un’illuminazione tenue proprio dietro lo schermo.