Come riciclare il pane duro: qualche dritta

da , il

    Come riciclare il pane duro: qualche dritta

    Capita molte volte di comprare più pane del necessario e il risultato è quello che rimanga ad indurire nei sacchetti. Buttarlo via, specie in tempi di crisi come quelli che stiamo vivendo attualmente, sarebbe un vero peccato, per cui eccovi qualche suggerimento su come riciclare il pane duro.

    Pangrattato

    Il modo più semplice ed immediato di riciclare il pane duro è farne pangrattato, che nella maggior parte dei casi compriamo. Se non dovete utilizzarlo nell’immediato potete conservarlo in un barattolo di vetro con una foglia di alloro, si conserverà perfettamente.

    Crostini al burro

    Una maniera sfiziosa di riciclare il pane duro potrebbe essere quella di ricavarne ghiotti crostini al burro. Tutto quello che dovrete fare è tagliare il pane a cubetti e versarli all’interno di una padella nella quale avrete preventivamente fatto sciogliere una noce di burro. Fate dorare da entrambi lati, aggiungete sale, pepe e altri aromi a piacere e usate come accompagnamento per zuppe, minestre e simili.

    Polpette di pane duro

    Infine, un’ottima maniera per riciclare il pane duro è quella di ricavarne delle gustosissime polpette di pane duro. Tutto quello che dovrete fare è mettere il pane in ammollo per qualche minuto, strizzarlo e impastarlo insieme ad una serie di ingredienti a piacere quali parmigiano grattugiato fresco, pinoli, uova, salame a cubetti e tutto quello che la fantasia vi suggerisce… Formate tante palline e avvolgetele con cura nel pan grattato, mettete le polpette in una teglia con un filo di olio e cuocete a 180° per 20 minuti circa.

    Foto di apertura di fugzu