Cortesie per gli ospiti: come servire il caviale e il salmone

da , il

    Cortesie per gli ospiti: come servire il caviale e il salmone

    Avere ospiti a cena è una cosa che mi è sempre piaciuta! Adoro cucinare, soprattutto quando posso condividere i piaceri della tavola e passare una bella serata i miei amici. Ma, mentre all’inizio era più che altro persa dalla paura di fare brutta figura e quindi focalizzavo la mia attenzione più che altro sul cibo, col passare del tempo ho imparato a meccanizzare questa fase, in modo da potermi dedicare anche ad aspetti di contorno (per restare in tema!) come la presentazione dei piatti. Lo so, una cena a casa tra amici si basa sulla convivialità e l’informalità, quindi non c’è bisogno di offrire prestazioni super; è solo che quando ci si appassiona a qualcosa si diventa perfezionisti! Qualcuna di voi è interessata?

    Dopotutto una bella presentazione ispira molto più a mangiare, quasi come se i sapori acquisissero un valore aggiunto; inoltre l’occhio vuole sempre la sua parte. Immaginiamo di portare a tavola del pesce prelibato come il salmone, o addirittura il caviale: soprattutto per il secondo abbiamo il dovere di esaltarlo con una presentazione all’altezza del suo pregio.

    Il caviale e il salmone sono i protagonisti indiscussi di un antipasto freddo a base di pesce e vanno serviti seguendo criteri ortodossi.

    Partiamo con il caviale, che va sistemato in un contenitore di cristallo a ciotola, a sua volta posizionato in una coppa di argento (o simili) riempita con ghiaccio tritato finemente. Non si deve mai utilizzare un cucchiaio di metallo per servirlo, bisogna optare per una variante di osso o di madreperla. Ricordatevi di offrirlo abbinato a crostini di pane tostato e a burro fresco.

    Discorso più semplice per il salmone, che va sistemato su un piatto da portata, magari in ceramica, insieme a triangoli di pane tosato e burro e decorato con foglie di lattuga.