Installazione condizionatori: cosa bisogna sapere prima di montarli

da , il

    Installazione condizionatori: cosa bisogna sapere prima di montarli

    L’installazione di condizionatori rappresenta, da un mese a questa parte, l’attività più gettonata in Italia. Il caldo non dà tregua e l’estate è particolarmente infuocata. La presenza di condizionatori in casa è quindi ormai scontata, ma essendo apparecchi elettronici, vanno cambiati di tanto in tanto. I passi da gigante della tecnologia permettono oggi di personalizzare la scelta del condizionatore in base alle proprie esigenze; il mercato offre di tutto, bisogna solo sapere alcuni dettagli (relativi allo spazio e ai consumi) prima di procedere con l’acquisto e l’installazione.

    Camere calde e umide, notti insonni e sensazione di pelle appiccicosa; la casa senza condizionatore, specialmente in città, diventa una trappola infuocata.

    L’installazione di un climatizzatore deve però essere guidata da buonsenso e dall’attenta analisi delle varie proposte di mercato; in questo caso è meglio recarsi presso un negozio specializzato anziché negli ipermercati perché, a fronte di un prezzo più alto, si riceve un’assistenza, sia prima che dopo, molto più accurata e rivolta alle proprie esigenze.

    Vediamo anche quali sono i parametri da tenere in considerazione:

    - La potenza: qui c’è bisogno di un consulto tecnico che la valuti in rapporto alle dimensioni, all’esposizione e al tipo di isolamento dei locali da climatizzare. Per fare un esempio, un modello da 1,8 kW (oppure 7.000 Btu/h, cioè British Thermal Unit) è ideale per ambienti compresi tra i 15 ed i 20 metri quadrati.

    - La tecnologia: più si risparmia all’acquisto, più la tecnologia è obsoleta e comporta consumi più alti, oltre a maggiori emissioni. I modelli più comuni di climatizzatori, comunque, sono quelli a pompa di calore, che emettono aria fredda e calda, utilizzabili quindi anche in inverno e gli inverter, che mantengono costante la temperatura; ma esistono anche innovativi sistemi di raffreddamento ecologici, come GreenFreeze, che utilizzano sostanze refrigeranti a basso impatto ambientale.

    - Il valore di efficienza energetica di raffreddamento: conosciuto come EER, indica i consumi in rapporto alle prestazioni, quindi più è alto e maggiore è il risparmio.

    Valore consigliato superiore a 5.