Mimosa cocktail fatto in casa per la festa della donna

da , il

    Mimosa cocktail fatto in casa per la festa della donna

    Il Mimosa cocktail, noto anche come Buck’s Fizz è un aperitivo gustoso e leggero a base di succo d’arancia e champagne. Insieme al Bellini e al Rossini fa parte delle numerose varianti di aperitivi frizzanti a base di champagne.

    Fu inventato nel 1921 da un tale Mr McGarry, barman che lavorava al Buck’s Club di Londra e deve il suo nome al colore giallo che ricorda i fiori di mimosa. Se trascorrerete la festa della donna in casa, tra amiche, preparare il mimosa cocktail come aperitivo potrebbe essere un’ottima idea. Vediamo, dunque, come procedere.

    Vi premetto subito che si tratta di una preparazione semplicissima che richiederà solo 5 minuti del vostro tempo e due ingredienti fondamentali: le arance e lo champagne.

    Spremete le arance e filtratene il succo aiutandovi con un colino. Versate il succo ottenuto in un flute che avrete precedentemente provveduto a far raffreddare in frigo. Riempitelo un po’ meno della metà (il rapporto è sempre 4 parti di succo d’arancia e 6 parti di champagne) e aggiungete lo champagne ben ghiacciato, mescolate qualche secondo e servite. Per un effetto molto elegante e raffinato potete guarnire il vostro Mimosa cocktail con delle foglioline di menta e scorze di arancia. Farete un figurone con le vostre amiche!

    Un consiglio per alleggerirvi l’onere economico. Se le vostre finanze sono già abbastanza provate dalla crisi e non vi consentono l’acquisto dello champagne, che rimane comunque un prodotto molto costoso, potete sostituirlo con del prosecco, purché di marca buona. Ottimi prosecchi sono quelli veneti, in modo particolare quello della cantina Montelliana o il prosecco di Conegliano-Valdobbiadene.

    Se invece volete stupire le vostre amiche con effetti speciali, potete tentare di replicare lo speciale mimosa cocktail che venne preparato nel 1925, in Francia, precisamente all’Hotel Ritz di Parigi. Si tratta di un aperitivo molto simile al di poco più giovane Buck’s Fizz, fatta eccezione per una spruzzatina di granatina e una raffinata guarnizione di ciliegie. Questo cocktail fu battezzato col nome di Mimosa, ne esiste anche una variante che prevede l’aggiunta del Grand Marnier, in questo caso viene chiamato Grand Mimosa.

    Foto di ReeseCLloyd