Pannelli acustici: come isolare la casa dai rumori

da , il

    Pannelli acustici: come isolare la casa dai rumori

    I rumori sono un disturbo quotidiano e frequente, proveniente sia dall’interno della casa che dall’esterno. Quindi, a meno che non si vive in campagna isolati, il traffico cittadino e i vicini sono fonte costante di rumore e di inquinamento acustico. La migliore soluzione a questi disturbi è rappresentata dai pannelli fonoassorbenti, che isolano l’ambiente da tutto il resto. Possono essere applicati alle pareti, al soffitto e al pavimento e se ne trovano diverse tipologie e qualità con costi corrispondenti.

    Quando ci si appresta ad installare dei pannelli acustici, però, va svolta un’operazione preliminare molto importante, soprattutto se si intende insonorizzare la camera dall’esterno: non devono essere presenti fessure in prossimità degli infissi e soprattutto questi ultimi devono garantire isolamento (magari con vetri doppi), altrimenti si rischia di vanificare tutto il lavoro. Altra questione importante riguarda i materiali da utilizzare: i migliori sono la schiuma espansa compresa in due lastre di cartongesso, la lana di roccia, la lana di legno e il sughero. Questi sono materiali atossici, ignifughi e porosi. In particolare per i pavimenti è diffuso anche l’utilizzo della sabbia asciutta che garantisce ottimo assorbimento di rumori da calpestio come i tacchi. Lo strato deve un’altezza minima di 25 mm e può essere utilizzato laddove non è possibile posare pavimenti troppo pesanti.

    È inoltre utile sapere che i pannelli occupano anche un certo spazio, che può essere più o meno significativo ai fini dell’arredamento interno. Per i controsoffitti e le contropareti, ad esempio, tra materiale fonoassorbente e struttura sono necessari circa 6 cm, mentre per le pareti fono isolanti si parla già di 9 cm come spessore minimo richiesto. Quindi prima di avviare l’installazione di pannelli acustici è importante valutare quanto detto sopra e verificare la fattibilità del lavoro. Una volta montati, è possibile tinteggiare con vernici atossiche, possibilmente, in modo da confonderli con il resto dell’arredamento.