Piante esotiche da giardino: le zampe di canguro

da , il

    Il fascino esotico è particolarmente attraente per un giardino, soprattutto perché spezza la routinaria presenza di piante autoctone. Tra le piante esotiche da giardino, sono molto interessanti le zampe di canguro, il cui nome tradisce la provenienza. Sono infatti erbacee perenni originarie dell’Australia, caratterizzate da foglie e dal bocciolo ricoperti di peluria. Provenendo da uno dei paesi più secchi al mondo, le zampe di canguro sono piante in grado di andare in riposo vegetativo nei periodi di siccità, per tornare a germogliare con il fresco e le piogge. A dispetto della loro origine esotica, le zampe di canguro si possono tranquillamente coltivare in giardino, sia in terra che in vaso.

    La cosa importante è che il terreno sia molto fertile e soffice, oltre in grado di drenare bene l’acqua ed evitare la formazione di stagni. Sempre a causa della loro provenienza, queste piante esotiche devo essere posizionate in una zona soleggiata del giardino, meglio anche se secca, perché l’umidità può provocare marciumi.

    Come detto, queste piante vanno in riposo vegetativo quando fa troppo caldo quindi, se vediamo che interrompono la fioritura, è opportuno innaffiare di meno o addirittura per nulla. Stesso discorso per l’inverno, quando la parte aerea va in essiccamento con il rischio, se irrigata, di portare alla formazione di marciumi. Il freddo è ben tollerato, quindi non si richiedono particolari misure cautelative; se,però, ritenete che il clima sia eccessivamente rigido, potete coltivare la zampe di canguro in vaso e tenerle in serra fredda durante l’inverno.

    La potatura della pianta deve avvenire in primavera, prima che le nostre piante esotiche da giardino comincino la fioritura.