Potatura glicine: consigli utili per agevolare la fioritura

da , il

    Potatura glicine: consigli utili per agevolare la fioritura

    Il glicine va potato principalmente per due motivi: per limitarne la produzione di fogliame e per aumentare invece la quantità di fiori nel periodo che va dall’inizio della primavera alla fine dell’estate. Gli interventi di potatura di questa pianta sono due e vengono effettuati in due momenti diversi dell’anno, il più importante è quello che viene fatto durante l’inverno, chiamato anche potatura a sperone, mentre quello diciamo un po’ più soft viene fatto durante l’estate. Le due potature vengono fatte in maniera diversa ma gli obiettivi restano gli stessi: avere una ricca fioritura della pianta l’anno successivo limitando la crescita del fogliame.

    Durante i primi anni di vita, il glicine verrà potato per dargli una forma e per la formazione dello scheletro della pianta secondo le vostre esigenze. Per i glicini coltivati in vaso bisognerà effettuare più potature estive per non far crescere troppo la pianta che altrimenti potrebbe soffrire, se dovessimo decidere di fare dei rinvasi, ad ognuno di essi bisognerà effettuare una piccola potatura.

    Per il glicine in terra invece, come vi dicevo, le potature saranno due all’anno, vediamole di seguito.

    Potatura invernale del glicine

    Solitamente questa potatura si esegue a fine inverno prima che la pianta riprenda la nuova stagione vegetativa. Tutti i rami giovani che hanno fiorito dovranno essere accorciati lasciando per ogni stelo almeno tre o quattro gemme. Meno gemme lasceremo più sarà rigogliosa ma anche più contenuta la vegetazione durante la nuova primavera. La fioritura, essendoci meno foglie, risulterà più ricca.

    Potatura estiva del glicine

    Questa viene denominata anche potatura verde e dovrà essere eseguita durante la prima metà della stagione estiva. Bisognerà in questo caso accorciare i rami giovani troppo lunghi o con andamento irregolare e dare la forma che si vuole alla pianta.