NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Zafferano: come coltivare ed essiccare la spezia

Zafferano: come coltivare ed essiccare la spezia
da in Casa, Orto, spezie
Ultimo aggiornamento:
    Zafferano: come coltivare ed essiccare la spezia

    Seguendo alcuni utili e semplici consigli è possibile coltivare ed essiccare lo zafferano direttamente in casa. La spezia, conosciuta fin dall’antichità per le sue molteplici proprietà, è originaria del Medio Oriente e presenta una corolla di color malva o bianca. Coltivare lo zafferano direttamente in casa può rappresentare una vera e propria forma di risparmio. Normalmente, infatti, il prezzo della spezia si aggira intorno ai 15-30 euro al grammo. Complice la forte domanda di mercato e la scarsità dell’offerta, ’l’oro rosso’ è spesso soggetto anche a molte contraffazioni. In generale è da scartare l’acquisto della polvere di zafferano (spesso allungata con altre sostanze). Vanno invece acquistati esclusivamente i pistilli interi di un bel colore acceso (indice della loro freschezza e della loro ricchezza olfattiva e gustativa).

    Ovviamente, possiamo coltivare e essiccare lo zafferano direttamente in casa. In questo caso dobbiamo seguire una serie di utili e semplici accorgimenti. Anzitutto, il terreno deve essere ben drenato e non troppo pesante. Inoltre, prima di mettere a dimora i bulbi di zafferano, è opportuno lavorare bene il terreno eliminando completamente tutti i sassi e rastrellandolo in superficie. Nel primo anno di coltivazione dello zafferano la raccolta è molto debole, ma, aumenta di anno in anno. Dopo 4 o 5 anni di coltivazione occorre prelevare i bulbi dello zafferano, dividerli e ripiantarli in giugno-luglio in un altro terreno. In questo modo aumenteremo la nostra produzione di zafferano.

    Per coltivare correttamente lo zafferano, la messa a dimora deve essere effettuata a Luglio-Agosto in fosse di circa 30 cm di profondità. Per quando riguarda le annaffiature dello zafferano, in genera questa pianta non richiede grandi quantitativi d’acqua. La raccolta dello zafferano deve essere effettuata a mano nel giorno esatto in cui il fiori si apre completamente. Normalmente, la fioritura della pianta avviene in ottobre. Dopo la raccolta occorre sfiorare lo zafferano, quindi eliminare tutti i petali del fiore e prelevare solo gli stimmi. Successivamente gli stimmi devono essere essiccati, all’interno di uno staccio di seta, al calore della brace accesa.

    412

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CasaOrtospezie
    PIÙ POPOLARI