Come cambia la vita con un figlio: quello che le mamme non dicono

da , il

    Come cambia la vita con un figlio: quello che le mamme non dicono

    Diventare mamma è l’esperienza più bella della vita di una donna ma prese dall’entusiasmo spesso sottovalutiamo come cambia la vita con un figlio. Spesso i racconti delle altre mamme fanno venire voglia di avere un bambino, ed è normale che sia così: ma ci sono anche complicanze alle quali dobbiamo prepararci proprio per affrontare al meglio questo periodo che non è tutto in discesa.

    Iniziamo dai nove mesi di gravidanza: il vostro corpo cambia ma, soprattutto se si tratta della prima gravidanza, sarete al centro delle attenzioni di tutti e coccolate. Dopo il parto l’attenzione di amici e parenti si sposta immediatamente sulla piccola e meravigliosa creatura che avete messo al mondo. Voi vi sentirete solo come la “macchina” che ha dato alla luce il bambino anche perché le domande più frequenti di nonne e suocere puntano proprio a valutare la vostra funzionalità: “hai latte a sufficienza?”.

    Inoltre, avendo molto poco tempo a disposizione per noi stesse, prese tra poppate e pianti, è normale trascurarsi un po’ e on piacersi quando ci si guarda allo specchio. Appena ve la sentite iniziate a fare sport per recuperare il peso forma dopo il parto.

    E’ fondamentale comunque in questa fase non chiudersi dentro casa e cercare di uscire, anche dieci minuti al giorno. Non dobbiamo avere paura a chiedere aiuto alle mamme o alle suocere e mi raccomando: una volta fuori di casa non parlate solo di allattamento e pannolini!

    Stessa attenzione va riservata all’intimità di coppia dopo il parto: non smettete di essere partner una volta diventati genitori. Non sarà facile all’inizio trovare tempo per serate romantiche ma cercate in tutti i modi di riservarvi a vicenda qualche tenerezza o gesto carino. Ritagliatevi appena possibile il tempo per una serata romantica.

    Le prime settimane di vita del neonato sono le più difficili ma vi basterà guardare negli occhi il vostro piccolo per rendervi conto che ne vale la pena.