Depressione post partum: non è vero che gli omega 3 la prevengono

da , il

    Depressione post partum: non è vero che gli omega 3 la prevengono

    L’argomento della depressione post partum è un tema molto delicato che spesso i tristi fatti di cronaca ci spingono ad approfondire e a non sottovalutare. Si tratta di una sindrome che sebbene venga considerata poco diffusa colpisce in realtà in forme più o meno intense circa il 15 % delle donne dopo la nascita di un figlio, in particolare del primogenito. La depressione post partum è una vera e propria malattia e come tale va trattata anche se non è stato finora possibile accertarne con precisione le cause. La ricerca scientifica per conoscere meglio questo disturbo è molto attiva e spesso arrivano novità confortanti circa possibili cure.

    Sicuramente esiste una componente genetica tanto che la depressione post partum può essere diagnosticata mediante risonanza magnetica. Per quanto riguarda la prevenzione però si naviga ancora in alto mare: rimedi considerati utili vengono poi smentiti nella loro efficacia. Spesso si dice ad esempio che una corretta alimentazione in gravidanza aiuta a prevenire il rischio di depressione post partum: proprio nelle ultime ore però arriva una smentita su questo punto da parte di un gruppo di ricercatori australiani. Secondo la ricerca, voluta dallo Women’s and Children’s hospital e divulgata attraverso la rivista JAMA (Journal of AmericanMedical Association) gli omega 3 non bastano a scongiurare il rischio della depressione post partum. L’esperimento ha portato alla somministrazione di integratori di acido decosaeonico, contenuto proprio negli omega-3, a 2000 donne incinta: dopo il parto, e terminato il trattamento, il 10% delle volontarie palesava sintomi di depressione post partum. Questo però, anche fosse vero, non deve essere un motivo per sottovalutare l’assunzione di omega3: è accertato infatti che questa componente alimentare, contenuta soprattutto nel pesce, contribuisce in modo positivo allo sviluppo del feto e limita il rischio di parti prematuri.