Epidurale in gravidanza: rischi e complicanze possibili

da , il

    Epidurale in gravidanza: rischi e complicanze possibili

    Molte donne in attesa si chiedono quali siano i rischi dell’epidurale in gravidanza. Ricorrere all’epidurale permette alle donne in gravidanza di ottenere diversi benefici al momento del parto. Primo fra tutti, quello di avvertire poco il dolore delle contrazioni; la donna quindi rimane vigile durante il parto, ma sente meno il dolore. Al di là di questo effetto primario, l’analgesia epidurale in gravidanza ha anche altri vantaggi, non solo per la gestante, ma anche per il feto.

    Ad esempio, con l’epidurale si riduce significativamente il rischio di malattie e di mortalità del neonato. E’ anche vero che l’epidurale in gravidanza presenta dei rischi e può dare delle complicanze. Tra i rischi dell’epidurale in gravidanza quello di contrarre infezione nella zona della puntura e quello più raro di avere delle reazioni allergiche ai farmaci utilizzati. Per questo è importante eseguire prima tutti i controlli di routine in caso si decida di effettuare l’analgesia epidurale. Tra le complicanze minori dell’epidurale, un modesto prurito dopo la somministrazione del farmaco e, in alcuni casi, il mal di testa che colpisce nei giorni successivi al parto. In alcuni casi, poi, tra i rischi dell’epidurale in gravidanza, si è registrato anche qualche problema tecnico al momento dell’esecuzione dell’anestesia.

    Infine i possibili rischi dell’epidurale sono anche di paralisi o danni permanenti di natura neurologica. Si tratta però di complicazioni, sì serie, ma davvero molto rare. Proprio per i possibili rischi dell’epidurale in gravidanza è opportuno che le donne siano adeguatamente informate dei vantaggi e degli svantaggi prima che questa venga eseguita, in modo da fare una scelta più che possibile consapevole.