Fattorie didattiche. Imparare divertendosi

da , il

    Fattorie didattiche. Imparare divertendosi

    Il rischio è che i nostri figli finiscano col figurarsi gli animali nell’unico modo in cui li hanno conosciuti credendo reali lindi porcellini danzanti, lupi sibillini e famelici, gatti con stivali all’ultimo grido e anatroccoli scuri e piangenti. Abbiamo però da qualche anno a questa parte una preziosa possibilità per far sì che avvicinino davvero un asino, una capretta o una mucca imparando a conoscerne dimensioni, colori ed odori, per quanto intensi possano essere quest’ultimi, aderendo all’iniziativa Fattorie Aperte.

    La giornata dedicata a questi veri e propri percorsi didattici da vivere insieme quest’anno è fissata per il 26 settembre, ogni regione ha le proprie strutture e ogni struttura ha il proprio patrimonio da trasmettere e condividere. L’ambiente rurale, l’origine degli alimenti e le tecniche di lavorazione, gli animali e la vita contadina un intero mondo sommerso che se non si ha la fortuna di conoscere attraverso il racconto dei nonni si può e si dovrebbe voler apprendere partecipando a laboratori, visite guidate, degustazioni, percorsi sensoriali e ai veri e propri giochi sull’aia che questo progetto offre.

    La didattica in fattoria consente di imparare che esiste una stagionalità nel ciclo produttivo degli alimenti e che è importante essere anche un buon allevatore oltre che un bravo agricoltore.

    Conoscere e scoprire la natura, la vita degli animali e la cultura contadina infine non può che sensibilizzare ulteriormente i nostri ragazzi ad un maggiore rispetto dell’ambiente.

    Buona e sana giornata a tutti!