Fiocco nascita bambino: il perchè di questa tradizione

da , il

    Fiocco nascita bambino: il perchè di questa tradizione

    Il vostro bambino è finalmente nato! Avete voglia di gridarlo a tutto il mondo? La tradizione vuole che alla porta di casa, al portone d’ingresso o alla porta della camera dell’ospedale venga attaccato un fiocco rosa o azzurro a seconda del sesso del neonato. In molti casi viene ricamato il nome del piccolo appena arrivato a punto croce. Ma da dove nasce questa tradizione? In passato il fiocco era considerato una sorta di amuleto per proteggere i bambini, soprattutto i maschietti. La scelta del colore celeste serviva a richiamare il cielo e quindi la protezione divina dal male.

    Non si tratta di una tradizione confinata nei perimetri nazionali: gli inglesi lo chiamano welcome baby. Ancora oggi il fiocco indica un benvenuto nella comunità, di una pubblica dimostrazione d’affetto. C’è chi dice che il fiocco debba virtualmente seguire la mamma e il bimbo e quindi va messo al portone solo dopo che i due siano stati dimessi e chi invece sostiene che vada messo alla nascita dal http://www.tuttogratis.it/attualita/diventare_papa.htmlneo papà. In ogni caso il fiocco serve a dare la lieta notizia. Ormai esistono moltissimi modelli in commercio, anche molto originali. Ma è meglio comprarli o affidarsi al fai da te? Nei negozi troverete fiocchi di diverse forme, materiali e fattezze e costa in media 20-30 euro. Si trovano cicogne, mongolfiere, angioletti e tanto altro ancora. Se però siete amanti del fai da te potete realizzare manualmente il vostro fiocco lasciando che dopo resti il vostro primo regalo per il neonato. Ci sono diversi tutorial per creazioni in legno o schemi di ricamo e punto croce. Non vi resta che dare spazio alla fantasia. Auguri!