Genitori e figli, ruoli da terzo millennio

da , il

    Genitori e figli, ruoli da terzo millennio

    I papà del terzo millennio non hanno praticamente nulla in comune con il ruolo di patriarca imposto ieri, cambiano i tempi, le esigenze, ma non solo, gli stessi papà vogliono far parte della vita e della crescita del bambino. Ma se come me siete felici di avere un compagno che cambia i pannolini, vi tocca ricredervi: un recente studio dell’l’Università Statale dell’Ohio dichiara infatti che per crescere bene i bambini è meglio lasciare i pannolini a mamma e i giochi a papà. Tradotto: si stava meglio quando si stava peggio.

    E’ l’equilibrio della coppia a venire messa sotto la lente d’ingrandimento, equilibrio che secondo questo studio viene minato dalle nuove usanze della paternità, pannolini, pappa e bagnetto sono faccende di mamma, trenini e macchinette di papà. La ricerca sta già facendo nascere una discussione, non solo dalle donne finalmente aiutate nel duro compito di crescere i figli ma anche e giustamente dai papà che non vogliono vedersi togliere quel diritto di ‘paternità recentemente scoperto e tanto amato.

    La dottoressa Sarah Schoppe-Sullivan, tra i partecipanti dello studio, afferma ‘Non esiste una ricetta precisa per tutte le coppie e non è vero in assoluto che il padre non debba essere coinvolto nelle cure del bambino‘. Ma è meglio distinguere i ruoli.

    Papà troppo disponibili nelle faccende domestiche e attenti alle cure di prima necessità dei pargoli possono determinare effetti controproducenti: I ricercatori hanno condotto un esperimento su 112 coppie con un bambino di 4 anni. I risultati hanno dimostrato che le coppie formate da papà che hanno giocato di più con i piccoli erano più unite rispetto ad un anno dalla prima indagine. Di contro se i papà aiutavano nelle faccende domestiche il rapporto mancava di quel giusto equilibrio alla base della coppia e necessaria per l’educazione del bambino.

    Donne in rivolta? Credo di si, anche perchè da sole oggi è davvero impossibile fare tutto, lavoro, casa, bambini, quindi o i papà aiutano o lavorano il doppio, esaurendosi, per pagare una tata e una colf.