Parto prematuro, il rientro a casa

da , il

    Parto prematuro, il rientro a casa

    Il rientro a casa dopo il parto è sempre qualcosa di difficoltoso. Ci sono nuovi ritmi, nuove esigenze, tante cose da organizzare e poco tempo per fare tutto al meglio. Rientrare con un neonato nato prematuramente è ancora più difficile. Bisogna esssere doppiamento attenti! Ecco alcuni dritte che vi potranno tornare utili.

    Osservate attentamente i comportamenti del vostro bambino. I nati prematuri tendono a dormire moltissimo , dalle 15 alle 22 ore, e quando si svegliano hanno, sopratutto, fame oppure voglio essere coccolati.

    Il loro pianto, all’inizio, sarà molto debole poi, man mano, prenderà vigore. Sintomo che il piccolo cresce bene.

    Quando piange, quindi, allatatelo oppure cambiategli il pannolino. Se non smette fatelo rilassare con un bagnetto caldo oppure con le vostra coccole. Anche se il metodo pedagogicamente giusto è quello di lasciarlo nella culla e non andare subito ad abbracciarlo per farlo smettere.

    Ho già detto che non vi dovete preoccupare se il piccolo dorme spesso: i nati prematuri sono molto deboli, si stancano subito ecco spiegato perchè dormono moltissimo. Man mano che cresceranno, però, le ore di sonno diminuiranno.

    Forse il ritorno a casa potrebbe destabilizzarlo, per farlo dormire, quindi, lasciate accesa una luce, come succede negli ospedali, va bene anche un sottofondo musicale.

    Sempre per la sua passeggera debolezza, il piccolo non berrà tantissimo latte. La bocca è piccola e i muscoli sono deboli, quindi alimetatelo poco e spesso, anche otto poppate al seno al giorno vanno bene.

    Il latte in più succhiatelo con il tiralatte e congelato per altri momenti. Se non avete latte, acquistate quello specifico per i neonati prematuri che permette di somministrare molte calorie con un piccolo volume di liquidi.

    Molto spesso questi piccolini hanno bisogno di integratori a base di ferro.

    In definitiva, care mamme non allarmatevi e preoccupatevi troppo se il bimbo dorme e mangia poco. Molto spesso i neonato prematuri vengono dimessi dall’ospedale qualche tempo prima del loro previsto parto, sono deboli, questo è vero, ma hanno bisogno di uscire da quell’ambiente asettico per vivere nel loro nido di amore e attenzioni.