Pesticidi in gravidanza: bambini con difficoltà di apprendimento

da , il

    Pesticidi in gravidanza: bambini con difficoltà di apprendimento

    Un recente studio della Columbia Center for Children’s Environmental Health suggerisce che i bambini esposti ad alti livelli di pesticidi durante la gravidanza potrebbero dimostrare problemi di apprendimento in seguito. Ma a quanto pare anche se molto attente durante la gravidanza, e puntigliose sul cosa mangiare e cosa no proprio per evitare di ingerire sostanze nocive per il bambino, e non solo, non sempre si ottiene il risultato voluto. Un altro studio effettuato dalla University of California San Francisco ha studiato 163 sostanze chimiche, e la presenza di queste negli organismi di alcune donne in gravidanza, alcune di queste sono state trovate nel corpo delle donne, anche le più pericolose e vietate negli Stati Uniti.

    Entrambi gli studi hanno confermato che le sostanze chimiche vengono trasmesse ai feti e hanno constatato un collegamento tra queste sostanze e i problemi di sviluppo del bambino. Per questo i ricercatori sostengono la necessità di un cambiamento nelle norme che regolano tali sostanze, per esempio nei prodotti per la casa.

    Il Centro per lo studio della Columbia Children’s Environmental Health ha monitorato 350 madri e i loro figli per 3 anni, questo ha permesso di dimostrare che la più alta esposizione ai pesticidi fin da prima della nascita porta probabilità tre volte maggiori di avere problemi nello sviluppo cognitivo. I bambini hanno una media di 4 punti inferiore a test di intelligenza. Il campione studiato è esposto quotidianamente ai pesticidi contro il ratto, prodotti che si trovano in casa normalmente per uccidere come già detto ratti, ma anche i parassiti come pulci e scarafaggi.

    Il secondo studio effettuato a San Francisco ha invece dimostrato che numerose donne incinte presentano la contaminazione, loro e i feti, da numerosi prodotti chimici, alcuni vietati, inquinanti ambientali già noti perchè provocano il cancro. Delle 250 donne testate il 99% ha dimostrato una contaminazione. Inquietante.