Placenta: a cosa serve e usi strani

da , il

    Placenta: a cosa serve e usi strani

    Non molti sanno che il termine placenta viene dal latino e significa letteralmente “focaccia”. La funzione principale è quella di fornire al feto durante la gravidanza alimenti e ossigeno e al tempo stesso di rimuovere ciò di cui il nascituro non ha bisogno. Al momento della nascita la placenta si stacca dalla mucosa uterina e viene espulsa.

    Secondo quanto riportato dalle ostetriche la placenta viene definita come un organo meraviglioso i cui vasi ricordano la forma dei rami di un albero. Ma non tutte le mamme gettano la placenta dopo l’espulsione. Ecco una simpatica panoramica fatta dal New York Times su alcuni bizzarri metodi di usarla dopo il parto.

    Pare che ci siano alcune donne, soprattutto in Cina, che la mangino per trarne benefici psicologici. A questo proposito alcuni team di ricerca stanno ideando capsule a base di estratti di placenta. Questo organo è infatti ricco di vitamina B12 e di ferro, molto utili per la prevenzione delle depressione post partum. Forse inconsciamente recuperare la placenta è anche un modo per ridurre il distacco drastico con il feto nella pancia. Molte donne ritengono inoltre che durante l’allattamento, ingerire placenta aiuti ad accumulare energia.

    Sicuramente molto originale anche l’idea di riciclo del designer Alex Green che con la placenta ha creato dei peluches. E ci sono perfino artisti che hanno realizzato con la placenta opere d’arte: il sangue infatti può essere sfruttato per stampe in acrilico.

    Le proprietà benefiche della placenta si palesano anche a livello estetico. Sembra che sia un perfetto rimedio contro le rughe e quindi viene usata come ingrediente base per alcune creme e cosmetici. Poiché gli ormoni in essa contenuti hanno anche effetti sulla crescita dei capelli, la placenta viene usata anche per produrre shampoo e lozioni cutanee. Ci sono anche studi che propongono di usare la placenta per prodotti anti obesità.

    E infine ci sono neomamme che preferiscono lasciare la placenta attaccata finchè non si stacca in modo del tutto naturale. In America la pratica di non recidere il cordone ombelicale si chiama Lotus Birth