Senso di colpa: appartiene alle mamme e non ai papà

da , il

    Senso di colpa: appartiene alle mamme e non ai papà

    In epoca moderna per molti sensi la distinzione tra uomo e donna, tra moglie e marito e tra mamma e papà non esiste più: i ruoli si vanno confondendo. Tuttavia esistono delle caratteristiche di genere che influenzano il modo in cui questi inquadramenti sociali vengono vissuti. Oggi parleremo del senso di colpa: avevamo già accennato ad una ricerca tesa a dimostrare come il senso di colpa fosse tipico delle donne.

    E in effetti anche nel ruolo di genitore le mamme dimostrano di esserne decisamente più soggette che i papà. Leggiamo spesso che la donna ha grandi capacità multitasking ma quante cose riesce a fare effettivamente bene?

    Molte probabilmente, se a giudicare sono gli altri, ma se ci atteggiamo a giudici di noi stesse noi donne sappiamo essere ben più dure. Gli altri vi vedono come una donna in carriera, affascinante e come una buona madre? Voi probabilmente avrete la sensazione di annaspare dietro alla casa, al lavoro e ai figli e sentirete di trascurare uno, o anche più di uno se non tutti, di questi ambiti. Difficile gestire tutto da sole. Vi sentite in difetto e spesso provate un senso di colpa, sia verso i figli, sia verso il marito, le amiche, il capo o addirittura verso voi stesse, per esservi trascurate e avere avuto poco tempo da dedicarvi. Gli uomini hanno una maggiore capacità di lasciarsi scivolare addosso il senso di colpa anche se a volte, forse con un po’ di invidia, siamo noi stesse a cercare di insinuarglielo. Ma non attacca: e come dargli torto? Non è forse vero che senza di colpa si vive meglio?

    Questo non vuol dire ovviamente trascurare volontariamente gli impegni o non rispettare il senso del dovere ma semplicemente essere un po’ più elastiche anche se non abbiamo fatto in tempo a preparare il ciambellone per la colazione o a stirare tutti i panni.

    Spesso peraltro le donne iniziano prima a lamentarsi della mancata collaborazione dei papà e poi provano a chiedergli una mano: perché non provare a fare il contrario?