Svezzamento neonati: quando e come introdurre il pesce

da , il

    Svezzamento neonati: quando e come  introdurre il pesce

    Il pesce è un elemento fondamentale da introdurre nello svezzamento dei neonati. Più digeribile della carne, ricco di sali minerali e vitamine ,è fondamentale per la crescita e lo sviluppo del neonato. Il pesce può essere introdotto nello svezzamento del neonato, sempre prima su consulto del pediatra, già a partire dal sesto mese di età del bambino. Inizialmente il pesce andrebbe somministrato al bambino in forma di liofilizzato o di omogeneizzato.

    Il vasetto è già pronto all’uso e molto comodo, perché risparmia il lavoro di pulizia e cottura del pesce fresco. A partire dal settimo mese, invece, si può iniziare ad introdurre nello svezzamento il pesce fresco o surgelato. Solo in caso di predisposizioni genetiche a forme di allergie è bene aspettare l’anno di età prima di introdurre il pesce nello svezzamento del neonato. All’inizio dello svezzamento, poi, sarebbe preferibile scegliere del pesce più magro (ottime la sogliola, la platessa, il dentice, il merluzzo e la cernia).

    Dal decimo mese possiamo introdurre altri tipi di pesce (come l’orata e il branzino). Solo dopo l’anno di età, invece, possiamo introdurre nello svezzamento i pesci più grassi (come tonno e salmone). Per introdurre nello svezzamento i crostacei ed i molluschi, invece, è meglio aspettare i due anni di età.