Vaccino neonatale contro il tetano: quando e come viene effettuato

da , il

    Vaccino neonatale contro il tetano: quando e come viene effettuato

    Il vaccino neonatale contro il tetano è uno di quelli che sono oggi previsti come obbligatori dalla legge. L’esigenza di vaccinare i bambini fin da piccoli ha come chiaro obbiettivo non solo la difesa della persona, ma di tutta la collettività. Difatti le vaccinazioni obbligatorie sono quelle che riguardano virus e batteri particolarmente pericolosi. Generalmente i vaccini neonatali cominciano intorno al terzo mese di vita del bambino. Il calendario vaccinale viene comunicato dal pediatra in occasione delle prime visite del neonato.

    I vaccini agiscono creando una risposta del sistema immunitario ad un particolare germe o virus; in alcuni casi introducendo il germe ucciso o pezzi dello stesso, in altri introducendo il germe vero e proprio ma reso innocuo. Per quanto riguarda il vaccino neonatale contro il tetano esso mira a prevenire questa malattia infettiva del sistema respiratorio. Il vaccino neonatale è disponibile in due versioni: monovalente e combinata. Esso viene effettuato praticando un’iniezione intramuscolare a 3, 5 e tra gli 11 e i 12 mesi di vita del bambino. Il vaccino contro il tetano prevede poi due richiami a 6 anni e a 14 anni.