Vasino: come aiutare il bambino

da , il

    Vasino: come aiutare il bambino

    La conquista del vasino è una tappa fondamentale per il bambino che i genitori devono seguire per aiutarlo al meglio. A spronare il piccolo si può iniziare già intorno ai 18 mesi, periodo in cui si inizia a conseguire il dominio dei muscoli volontari. Di sicuro può essere utile proporre al bambino il vasino come un gioco. Si può iniziare dalla scelta dell’oggetto, tra quelli più colorati e dalle forme particolari; una moto, un animale o un automobile contribuiranno proprio a creare un clima di gioco intorno all’evento, sempre gradito ai bambini rispetto alle regole imposte forzosamente. Potrebbe essere utile, invece, per la mamma scegliere il periodo dell’estate per ‘iniziare’ il bambino al vasino.

    In questo periodo il piccolo può anche essere lasciato solo con le mutandine per casa e questo permette alla mamma di fronteggiare meglio eventuali ‘incidenti’. Sarebbe meglio far sedere il bambino sul vasino dopo i pasti e comunque ogni due ore. E’importante però non forzare troppo l’evento per non portare il bambino ad avere antipatia verso l’oggetto. Il bambino dovrebbe restare sul vasino per un periodo breve; è fondamentale che la mamma gli stia vicino, magari recitando una filastrocca. Quando il bambino rispetta le volontà dei genitori, anche relativamente all’uso del vasino, occorre sempre lodarlo, complimentandosi per la bravura. Ancora, la scelta del vasino deve essere definitiva.

    Quando il bambino è pronto a questa maggiore autonomia occorre dire addio definitivamente al pannolino, che andrà utilizzato solo di notte. Infine, è importante seguire con calma questa evoluzione del bambino, senza sgridarlo, soprattutto nelle prime settimane. In questa fase è probabile che il piccolo non controlli bene i suoi stimoli. Anziché sgridarlo, se non dovesse contenere la pipì, si può lasciarlo bagnato per qualche minuto. In questo modo è probabile che il piccolo avverta una sensazione di disagio che la volta successiva farà di tutto per evitare.