Vermi dei bambini, riconoscerli e curarli

da , il

    Vermi dei bambini, riconoscerli e curarli

    L’Enterobius vermicularis è il nome tecnico degli ossiuri, molto meglio conosciuti come i vermi dei bambini. Si tratta di piccoli e sottili parassiti di color bianco che però sono visibili anche ad occhio nudo: appaiono come filamenti nelle feci durante le prime ore del mattino. Questi vermi provocano appunto l’ossiuriasi. Si tratta di una malattia molto diffusa nei cani ma che può colpire anche le persone, soprattutto i bambini. Può essere dovuta ad una situazione di scarsa igiene o di eccessivo contatto in zone affollate.

    Ma l’ossiuriasi si può contrarre anche per via orale, ingerendo uova embrionate, che possono giungere alla bocca attraverso il cibo o anche tramite il contatto con le mani che si sono poggiate su oggetti contaminati. Il problema fondamentale è dovuto al fatto che nell’organismo si riproducono velocemente. Anche se non è piacevole questa infestazione non è pericolosa: il sintomo più evidente è un forte prurito perianale. Questo fastidio si concentra nelle ore notturne e quindi spesso ostacola un buon riposo, causando mal di testa, nervosismo, stanchezza e sintomi connessi. Possono verificarsi episodi di dolore addominale o nausea. Se riscontrate in vostro figlio questo sintomo e vi sembra di vedere i vermi nelle feci contattate un medico per una diagnosi accurata. Verrà prescritto lo scotch test, consistente come suggerisce il temrine nell’appoggiare una striscia fina di carta adesiva sull’apertura anale del paziente. Le uova resteranno attaccate e saranno più facilmente visibili. Il farmaco più indicato per la cura è il pirantel pomoato. Il trattamento farmacologico andrebbe esteso a tutti i membri della famiglia per debellare definitivamente il parassita. E’ importante sterilizzare tutti gli effetti personali come biancheria intima e lenzuola.