Abito da sposa di Lady Diana, copia all’asta per 76mila euro

da , il

    Abito da sposa di Lady Diana, copia all’asta per 76mila euro

    Ricordate l’abito da sposa di Lady Diana? In taffetà di seta color avorio e pizzi antichi, con uno strascico di quasi 8 metri, valutato all’epoca per circa 9000 euro e divenuto uno degli abiti da sposa più famosi del mondo? Una sua copia verrà venduta all’asta di Londra a fine mese, dopo che una statua di cera del museo Madame Tussauds l’ha indossata per circa 30 anni, alla cifra di 76 mila euro.

    Le domande che sorgono spontaneamente sono più d’una. Primo: come si può spendere una cifra da capogiro per indossare un abito che non è nemmeno un originale, ma una copia di un originale famoso? I cinesi, c’è da giurarci, avrebbero saputo confezionarne una versione low cost altrettanto simile come del resto hanno fatto con quello di Kate Middleton. Secondo: chi vorrà mai indossare l’abito da sposa di una donna che ha ricavato dal proprio matrimonio cotanta infelicità? Terzo: quelle maniche a sbuffo, non ce ne vorranno David ed Elizabeth Emanuel che lo hanno disegnato, sono decisamente brutte! Non sono solo io a sostenerlo, una rivista di matrimonio già nel 2004 lo aveva descritto come ‘troppo vestito, troppo poco principessa‘.

    Anche la copia in questione è stata creata da David ed Elizabeth Emanuel utilizzando gli stessi tessuti e dettagli dell’originale sostituendo però l’antico merletto sulla parte anteriore del corpetto con uno simile ma non identico al pizzo di Carrickmacross della Regina Maria utilizzato sull’originale e il velo è lungo un terzo dell’originale. La tradizionale tecnica di realizzazione dei merletti di Carrickmacross adottata nell’abito di Lady Diana, fu riutilizzata anche per l’abito indossato da Kate Middleton in occasione del suo matrimonio con il principe William.

    A chi si stesse chiedendo che fine ha fatto la versione originale dell’abito da sposa di Lady Diana, ricordiamo che dopo essere stato in esposizione per molti anni con la mostra itinerante ‘Diana: A Celebration‘ è attualmente esposto presso la Althorp House, la casa ancestrale della famiglia Spencer, sin dagli inizi del XVI secolo, nel Northampton.