Abito da sposa di mamma, scelta felice o da declinare?

da , il

    Abito da sposa di mamma, scelta felice o da declinare?

    Leggendo i forum dedicati sembra che poter indossare l’abito da sposa della mamma sia motivo di grande gioia e commozione, certo, il punto di partenza è che l’abito deve piacere, altrimenti son dolori. Una scelta che se ieri era quasi obbligata, l’abito da sposa veniva tramandato di madre in figlia come un cimelio di incredibile valore, oggi il gesto appare molto affettuoso. Bisogna capire se è effettivamente fattibile, oppure se tanti sono i cambiamenti da applicare che emozioni e abito sono destinati a far fare una brutta fine ai tanto amati risparmi.

    In primo luogo se l’abito di mamma non vi piace, e non c’è modo di farvelo piacere, ditelo subito, non aspettate che ansia e stress crescano e senza alcun freno si rovescino sulla povera mamma che certo è convinta di farvi un favore. Altro fattore importante, che mi sembra comune di molte prossime spose, l’abito di mamma non fa fare brutta figura, innanzitutto non tutti devono sapere da dove arriva, e in secondo luogo io ne andrei orgogliosa, con o senza modifiche applicate è un gesto d’affetto da invidiare non certo da biasimare.

    Soffermiamoci ora sulle modifiche, purtroppo spesso queste non sono economiche, contrariamente a quanto si può pensare affidarsi a un sarto per adattare l’abito può richiedere una spesa consistente, anche perchè alcuni tessuti di ieri sono davvero difficili da reperire oggi.

    Suggerisco comunque di provarlo prima di decidere una volta indossato sarà tutto più facile. Infine nel caso altri si offendano, suoceri o parenti vari, perchè ritenevano il costo dell’abito una loro priorità, affrettatevi a consolarli. Come già detto il sarto non costa meno del nuovo, e gli accessori saranno sicuramente tutti da comprare. O volete farmi credere di avere lo stesso numero di scarpe di mamma, che lo stesso velo è stato conservato, così come gioielli, biancheria intima e bouquet?