Abito da sposa usato: il matrimonio ai tempi della crisi

da , il

    Abito da sposa usato: il matrimonio ai tempi della crisi

    Cosa comporta celebrare un matrimonio ai tempi della crisi? Che non ci siano abbastanza soldi per far fronte a tutto il necessario e si finisce per arrangiarsi come si può, magari acquistando un abito da sposa usato in un posto come Mercatopoli, al confine tra Caserta e San Nicola la Strada.

    In questo mercatino torna in auge la pratica del baratto pertanto le più fortunate potrebbero riuscire ad accaparrarsi un fantastico abito da sposa che un’altra ha dato via solo per far posto dentro l’armadio.

    Mercatopoli è inserito in un circuito nazionale, si tratta, dunque, di un franchising a pieno titolo con relativo sito web dove vengono costantemente aggiornate le liste degli oggetti in vendita, il prezzo di valutazione per ciascuno, l’accredito al venditore, in contanti, del 65% del prezzo concordato.

    Trascorsi i 60 giorni dalla data di carico indicata sull’etichetta, il prezzo subisce uno sconto-abbattimento che può arrivare anche al 50 per cento. ‘Poche regole, chiare e trasparenti le nostre – spiega Libera Marangio, che gestisce Mercatopoli insieme alla figlia e alla nipote -. Si vende e si guadagna in due, l’altro compra e risparmia. Nella nostra esposizione accettiamo oggetti, abiti, utensili, cose di ogni specie usate purchè in ottime condizioni. Non facciamo da svuota cantine, anche la cosiddetta oggettistica vintàge deve avere la sua dignità per lasciare una casa ed entrare in un’altra‘.

    Ma capita anche, in tempi di crisi, che chi si disfa del suo abito da sposa non lo faccia esattamente a cuor leggero, ma per far fronte a sua volta a necessità di ordine economico. Questo ‘si legge negli occhi dei proponenti quando ci si disfa di un oggetto, un mobile, anche un abito cui si tiene‘ conferma la titolare.

    Gli abiti da sposa sono tra i prodotti che maggiormente vengono venduticon buona soddisfazione di chi sa che non deve indossarlo più e di chi vuole risparmiare sulla spesa di una mise di una sola occasione – dice la signora Marangio, che poi aggiunge, pratica – Le abitazioni dei nuovi sposi, oggi, sono piccole. Dove li metti quei fagotti di tulle e merletti?‘.