Il segreto di un matrimonio perfetto? Idealizzare il partner

da , il

    Il segreto di un matrimonio perfetto? Idealizzare il partner

    Per i più cinici il segreto per un matrimonio lungo e duraturo sta tutto della chimica. Per la precisione nella dopamina secondo uno studio della Stony Brook University di New York, per i più romantici, invece la ricetta per un matrimonio felice consisterebbe in quattro abbracci al giorno.

    Hanno ragione i cinici o i romantici? Sbagliano entrambi secondo gli psicologi, per i quali a creare i presupposti per un matrimonio perfetto sarebbe niente meno che l’esaltazione incondizionata e ad occhi chiusi dei pregi del partner.

    Proprio così : più i partner sono idealizzati maggiori sono le probabilità che il rapporto funzioni. Lo sostiene Sandra Murray dell’Università di Buffalo, autrice di uno studio pubblicato su Psychological Science che ha voluto ricercare il segreto del matrimonio riuscito. E per farlo ha studiato 193 coppie di sposi quando sono convolati a nozze e poi ad intervalli di sei mesi nei primi tre anni di convivenza.

    La Murray ha chiesto ai partecipanti quali fosse il giudizio sulla propria metà scoprendo che i soggetti che all’inizio del matrimonio ‘idealizzavano’ le virtù del partner – non era necessario che fossero vere, bastava che fossero presunte – vivevano la vita di coppia con più soddisfazione e felicità rispetto ai più ‘realistici’ che evidenziavano anche i lati negativi.

    La cosa è spiegabile se si pensa che una persona che idealizza il cuo compagno, o la sua compagna, fa un significativo investimento sulla relazione che ha con lui/lei. Quando, nel tempo, queste persone si accorgono dei difetti del/della partner, cercano di concentrarsi piuttosto sui suoi punti di forza, minimizzando gli aspetti negativi. Questo significa che non è assolutamente vero che idealizzare una persona significhi necessariamente provare poi delle delusioni, ma anche che non si può insegnare ad una persona ad ‘idealizzare’ l’altro, allo scopo di avere un rapporto di coppia più lungo e soddisfacente…

    In altre parole non è tanto importante scegliere come compagno della vita una persona che abbia effettivamente caratteristiche compatibili con le nostre, ma semplicemente convincersi che le abbia!