Mantelle e mantelline: arriva la cappa

da , il

    Preparate i guanti che siano di pelle, lana, corti o lunghi, mie care signore è tornata la cappa!

    Avete presente Cappuccetto Rosso? Sì, sì non sto scherzando parlo proprio della bambina che incontra il lupo e che vuole andare dalla nonnina. Non si chiama di certo Cappuccetto Rosso senza ragione! Indossava sempre un mantello rosso che chiudeva sul davanti e la avvolgeva come un cappotto ma a differenza si quest’ultimo non aveva le maniche. Questo è un perfetto esempio di cosa sia una cappa.

    Che tutti gli stilisti quest’anno stessero pensando alla fiaba della bambina spaventata nel bosco? Non lo sappiamo. Siamo solo sicure che quest’anno se vogliamo essere trendy la cappa è l’elemento fondamentale da indossare per essere sempre all’avanguardia.

    E’ un tipo di capo di abbigliamento che presenta delle variazioni. Lunghezza in prima base, può coprire fino ai piedi o a malapena le spalle. Può avere colli di pellicce o frange sui bordi. Ciò che è veramente importante è che non abbia le maniche!

    La cappa di Alviero Martini di colore grigio medio si sposa bene con un look sobrio; comoda a ruota è perfetta per le mise più sportive.

    Anche se fa molto ‘donna delle nevi’ la cappa di Celine è proprio quello che ci vuole per i climi più gelidi. Lunga fino alle ginocchia è adatta soprattutto alle donne più slanciate.

    Yves Saint Laurent che ha da poco lanciato il suo profumo Belle d’Opium, ha presentato per questa stagione ormai inoltrata una cappa audacissima: fucsia con collo piumato. Frizzante, di sicuro non si può passare inosservate con un gioiellino simile.

    Se optate invece per versioni più classiche si può dare uno sguardo a quella realizzata da Salvatore Ferragamo di colore marrone adatta alle estimatrici dei toni caldi.

    Ora che conoscete ciò che non può mancare nel vostro outfit quotidiano sarà il caso correre ai ripari signore e giocate con i colori!