Stivali Sergio Rossi: i cuissardes per l’inverno con il colletto

da , il

    Stivali Sergio Rossi: i cuissardes per l’inverno con il colletto

    Continuiamo la rassegna delle scarpe must have della stagione invernale che saranno riproposte anche il prossimo anno così come ci ha mostrato Blumarine presentandoci i suoi cuissardes. Oggi è la volta di Sergio Rossi e i suoi stivali alti fino al ginocchio con tacco a spillo. Di solito i cuissardes non presentano il tacco, sono comodi e caldi perché rivestono buona parte delle gambe e non ci costringono a camminare su trampoli vertiginosi ma ci sono alcuni outfit che necessitano di tacco! In quelle fredde sere di inverno quando il look richiede il tacco ma fa troppo freddo per indossare degli shorts e delle decolletées ecco che arrivano i cuissardes col tacco, almeno salveranno le nostre gambe dalla pelle d’oca!

    Sergio Rossi, maestro italiano delle scarpe, amato e apprezzato in tutto il mondo da molte star, ha realizzato ovviamente un modello di stivali tornati alla ribalta in questi ultimi tempi. Stiamo parlando dei cuissardes, gli stivali che si allungano e si arrampicano fin sopra le ginocchia, morbidamente e caldamente proteggono le nostre gambe dal freddo gelido dell’inverno.

    Il modello realizzato da Sergio Rossi che andremo ad analizzare oggi sono dei cuissardes molto particolari. Non di pelle liscia bensì realizzati con un intreccio di maglia fatta di rombi; ogni rombo ha la sua caratteristica. Sì, di base c’è sempre la pelle, in questo caso nera ma molti dei piccoli rombi sulle fasce laterali sono impreziositi di suede e di pelle di pitone sempre nera.

    Non sono tanto i materiali con i quali sono stati realizzati i cuissardes di Sergio Rossi a farne la differenza ma quell’applicazione presente all’altezza della caviglia che crea un simpatico effetto ‘ali’. Partono dai lati della caviglia e si chiudono sul collo del piede, sempre in pelle nera, riescono bene a fare l’effetto del colletto di una camicia da uomo portato alto. Questi sono gli stivali alti al ginocchio che non si vergognano, quelli che sfidano la strada sebbene siano sorretti da delicatissimi tacchi a spillo.

    Pronte a farci un giro?