Arresto cardiaco: rianimata una donna dopo 70 minuti

da , il

    Arresto cardiaco: rianimata una donna dopo 70 minuti

    A Bologna un attacco cardiaco ha messo seriamente a repentaglio la vita di una donna, che è stata rianimata dopo ben 70 minuti grazie ad un provvidenziale intervento. L’accaduto si inscrive in una dinamica certamente eccezionale ma deve aver reso fuori di sé dalla gioia la dottoressa, ancora junior, accorsa in aiuto. La giovane anestesista rianimatrice ha salvato con tempestiva forza la ragazza, di 31 anni, che è stata colpita da un attacco di cuore sul luogo di lavoro: nuove tecniche, unitamente a velocità e prontezza, non senza l’energia di chi non ama arrendersi, sono riuscite a realizzare un fenomeno fuori dal comune.

    ‘Si tratta di un caso particolare, reso possibile da condizioni legate anche ad una perfetta organizzazione di assistenza rianimatoria’ ha spiegato Gianfranco Di Nino, primario dell’Unità di Anestesia del Policlinico S. Orsola di Bologna.

    Il medico ha continuato spiegando: ‘Grazie alle cure intensive immediate e alla tecnica di abbassamento della temperatura corporea, ipotermia, iniziata già in ambulanza, la giovane ora ha ripreso coscienza e i primi risultati escludono danni cerebrali’.

    ll cuore della ragazza si è paralizzato per 70 lunghissimi minuti, lasciando presagire il peggio, tuttavia la ripresa dall’arresto cardiaco è potuta avvenire grazie ad una tempestiva manovra di rianimazione.

    ‘L’ambulanza e’ arrivata in 8 minuti e a bordo si trovava una specializzanda esperta delle nuove tecniche rianimatorie’ ha spiegato in seguito l’anestesista.

    L’anestesista ha protratto gli interventi per un’ora e dieci minuti utilizzando la tecnica di defibrillazione, ventilazione meccanica, oltre che farmaci a base di adrenalina.

    Il Pronto Soccorso del Policlinico S.Orsola ha ospitato le cure successive, che hanno visto uno stato di ipotermia per le 24 ore dopo: in seguito la temperatura è stata alzata con gradualità.

    Dopo ben 70 minuti di silenzio, certamente il ritmo del cuore, segreto quanto inspiegabile, ha riiniziato la corsa verso la vita: un fenomeno che lascia sbigottiti, ma generosi di un sorriso incredulo verso questa fortunatissima donna.