Calendula: una pianta dalle molte proprietà

da , il

    Calendula: una pianta dalle molte proprietà

    La calendula è un particolare tipo di pianta, appartenente alla famiglia delle Asteraceae, piante erbacee annuali o perenni. La tipologia più diffusa e coltivata è la calendula officinalis, una piantina dai particolarissimi fiori color giallo-arancio dal diametro anche di 7 cm. Generalmente usata come ornamento, la calendula ha però moltissime proprietà curative, a cominciare da una spiccata azione antiinfiammatoria, lenitiva e cicatrizzante, sfruttata nella terapia delle più diverse patologie.

    Si tratta di una piantina alta dai 20 ai 50 cm, anche conosciuta con i nomi di Calendola, Fiorrancio o Garofano di Spagna. Utilizzata anche nella medicina tradizionale, i suoi fiori sono considerati vulnerari, antisettici e stiptici. Utilissimi anche per la cura di piccole ferite o scottature, i fiori di calendula trovano largo impiego in alcune affezioni dermatologiche come eczemi ed esantemi.

    Tanti i prodotti a base di calendula usati anche per i disturbi gastrici, come l’ulcera. In questo caso molto utile sarà il classico decotto, ottenuto con circa 50g di fiori essiccati per litro d’acqua. Oppure tipici sono anche i colluttori e i dentifrici a base di calendula, efficaci nella prevenzione e nella guarigione di lesioni gengivali, afte e infezioni.

    La buona notizia per le donne è che questa pianta è anche in grado di alleviare e prevenire i dolori legati al ciclo mestruale, riuscendo anche a regolarizzarne il flusso.