Donne inglesi: spendono più per la bellezza che per la salute

da , il

    Donne inglesi: spendono più per la bellezza che per la salute

    Le donne inglesi spendono più per la bellezza che per la salute, lo dice una recente ricerca sviluppata in ambito britannico. L’aspetto fisico appare decisamente una delle preoccupazioni più rilevanti per una donna, soprattutto perché connesso a una serie di motivazioni legate all’accettazione di se stessi e un concetto di benessere vissuto a livello poliedrico. Un sondaggio condotto sulle abitudini di spesa delle donne inglesi ha evidenziato che risultano più alte le spese per trucchi per il viso, creme autoabbronzanti e prodotti per capelli rispetto all’acquisto di farmaci, vitamine e prodotti per la salute.

    Il team di ricerca ha intervistato 3000 donne di età compresa tra i 18 e i 65 anni interrogando il campione circa le abitudini di spesa: secondo il sondaggio, che è stato commissionato dalla Benenden Healthcare Society, le donne inglesi spendono in media 330 euro per prodotti legati alla bellezza. Quanto dedicano alla salute? Circa 223 euro, una cifra decisamente inferiore.

    ‘Sarebbe sbagliato affermare che questi risultati sono una sorpresa. Le donne inglesi stanno diventando troppo concentrate su quello che appaiono e sembrano dimenticare di prendersi cura della propria salute’ ha spiegato un membro del team di ricerca, aggiungendo: ‘Questo tipo di atteggiamento può realmente mettere in pericolo il loro benessere. Molte di loro possono essere magre e avere un bello sguardo ma non necessariamente questo significa che siano sane. Avere un equilibrato stile di vita dovrebbe essere una priorità per tutti‘.

    La ricerca confermerebbe la pessima abitudine al fumo, con relativi danni per la pelle e lo smalto dei denti. Inoltre secondo i dati accumulati le donne tenderebbero a seguire diete drastiche e userebbero pillole per dimagrire: uno stile di vita decisamente ben lontano dalle buone abitudini.

    Se nella lotta tra bellezza e salute sembra vincere il culto del bello, possiamo soltanto auspicare che sempre più spesso queste due categorie intreccino i loro interessi e la bellezza diventi strategia per conquistare un benessere sempre più profondo.