Dormire bene: l’importanza del riposo per l’efficienza dei neuroni

da , il

    Dormire bene: l’importanza del riposo per l’efficienza dei neuroni

    Continua l’infinita diatriba sull’importanza del dormire bene e sulla reale o presunta necessità di un corposo riposo notturno. Infatti una nuova ricerca, portata avanti all’Università del Wisconsin e capeggiata dall’italiano Giulio Tononi, sembrerebbe addossare proprio alla carenza di sonno gli errori e le distrazioni quotidiane; secondo gli studiosi non aver dormito una quantità di ore sufficienti crea degli episodi di sonno locale, generato da neuroni ‘stanchi’ che si isolano, mentre il resto del cervello resta attivo. Da qui deriverebbero le defaillance e gli errori di distrazione che vengono compiuti durante il giorno.

    La ricerca si è basata su dei topi, tenuti in regime di insufficiente riposo notturno, che hanno mostrato segni di distrazione e di vigilanza bassa a causa dell’insorgere di episodi di micro sonno, ovvero di momenti in cui alcuni neuroni si addormentano, mentre il resto rimane vigile. E questo influisce anche sulla nostra salute.

    Come accade ciò? Nei test di laboratorio sono stati registrati circa una ventina di neuroni della corteccia motoria degli animali sottoposti ad esperimento ed è stato notato che due o tre di loro si addormentano, ma dall’elettroencefalogramma risultava che gli animali erano ancora svegli.

    Il cervello invia quindi dei segnali di stanchezza tramite episodi evidenti, come appunto le grossolane distrazioni o dimenticanze inconcepibili. Secondo i ricercatori non dormire bene provoca affaticamento, che col tempo si accumula tanto da non essere più nemmeno considerato.

    Il problema è che la percezione della stanchezza è soggettiva, non sempre si capisce di dover interrompere un’attività a causa dell’abbassamento della soglia di attenzione, cosa importante per quei lavori che ne richiedono molta.

    Su una cosa non ci sono però dubbi: il riposo è fondamentale per il benessere psico-fisico: si può discutere sulle ore di sonno minime necessarie per rendere al meglio, ma non si può prescindere dall’importanza di essere svegli e quindi lucidi.