Eccitazione femminile: i disturbi si curano con lo yoga e il ‘viagra rosa’

da , il

    Eccitazione femminile: i disturbi si curano con lo yoga e il ‘viagra rosa’

    Un problema che affligge un gran numero di donne è quello legato ai disturbi dell’eccitazione sessuale. Di solito il problema è psicologico, a volte è causato dalla scarsa prestanza del partner, altre da entrambe le cose oppure l’una spesso diviene conseguenza dell’altra: alla fine, comunque, un problema molto serio. I rimedi però esistono, e sono anche efficaci.

    Il primo cui si fa ricorso è solitamente legato alla figura del sessuologo, che oltre ad aiutare la paziente in prima istanza, la indirizza verso quelle che sono soluzioni più efficaci; tra queste troviamo le discipline meditative, soprattutto lo yoga. E’ infatti noto che lo yoga, come il tantra, sono degli strumenti utili alle donne per raggiungere l’orgasmo più facilmente durante un rapporto sessuale, grazie soprattutto all’azione distensiva, di corpo e mente, che favoriscono. Lo yoga allena la mente ad allontanare lo stress, aiuta a conoscere il proprio corpo, rilassa i muscoli (anche quelli attorno alla vagina) e permette alla persona di vivere in maniera intensa le proprie emozioni. Gli esperti e chi lo pratica da tempo, assicurano che lo yoga contribuisce ad innalzare la qualità della vita, sia sessuale che sentimentale e mentale. Ma tra non molto potrebbe bastare una semplice pillola per cancellare ogni disturbo dell’eccitazione femminile, grazie alla nascita del farmaco sperimentaleUK-414,495, su cui si baserà il ‘viagra rosa’, la risposta alla versione maschile della miracolosa pillola dell’amore, già in commercio dal 1998. A risolvere il problema sarà una molecola in grado di aumentare l’afflusso del sangue verso i genitali femminili, una volta attivata dalla stimolazione del nervo pelvico. Sicuramente rivoluzionario, ma intanto è meglio iniziare a fare yoga, che male non fa!