Fame nervosa: ogni pensiero negativo fa ingrassare un chilo

da , il

    Fame nervosa: ogni pensiero negativo fa ingrassare un chilo

    Perché mangiamo troppo? Quando siamo stressate o frustrate cerchiamo gratificazione nel cibo: è la cosiddetta fame nervosa, che rende ogni dieta uno sforzo inutile. Magari state attente alla linea per una settimana e poi vi basta una discussione con il partner o un rimprovero del capo per farvi affondare in un barattolo di Nutella. I medici concordano che dare troppo spazio al nostro io pragmatico e razionale, farsi troppi problemi, contribuisce ad aumentare di peso.

    Pensiamo al caso di una casalinga mamma di bambini piccoli: i ritmi frenetici rendono difficile ritagliarsi uno spazio proprio ed è facile cadere nella tentazione di concedersi sfizi calorici per sentirsi ancora una persona, salvo poi sensi di colpa e ulteriore frustrazione. Quello che si innesca è un pericoloso processo circolare, un cane che si morde la coda da solo. Da questo punto di vista allora il segreto è riscoprire il piacere del cibo come estasi di sapori, non semplicemente come valvola di sfogo. La fame nervosa non permette di assaporare veramente i cibi. Il cambiamento consiste nell’evitare di dare troppo spazio ai ‘devo’ e cominciare a pensare a ‘vorrei’. Cercare di condurre una vita appagata e soddisfacente in cui mangiare diventa un altro momento in più da godersi e non una via di fuga dai nervosismi e lo stress.