Farmaci rimborsabili per smettere di fumare

da , il

    Farmaci rimborsabili per smettere di fumare

    Al di là delle proposte che ci arrivano anche dal mondo della tecnologia, una buona idea che sicuramente contribuirebbe a far diminuire il numero dei fumatori in Italia potrebbe essere quella proposta dal dottor Piergiorgio Zuccaro, direttore dell’Osservatorio fumo, alcol e droga dell’Istituto superiore di Sanità, secondo il quale, al pari di quanto accade in altri Paesi come il Regno Unito, il costo dei farmaci per smettere di fumare dovrebbe essere rimborsato dallo stato. In tal modo si incentiverebbe senza dubbio i cittadini ad avvalersi di questi ausilii farmacologici, diminuendo in maniera importante il problema fumo.

    A onor del vero, c’è da dire che le campagne di sensibilizzazione contro il fumo non mancano, le idee innovative nemmeno e che le leggi attualmente in vigore, che vietano per esempio di fumare nei luoghi pubblici, hanno già fatto qualcosa per cercare di ridurre il numero dei soggetti fumatori. Ma vero è anche che c’è tanto altro ancora da poter fare.

    Secondo il pensiero, sicuramente condivisibile, del dottor Zuccaro, infatti, la possibilità di avere il rimborso dei farmaci per smettere di fumare sarebbe un sicuro incentivo anche per i fumatori più incalliti. Insomma, si tratterebbe di fare molto di più in termini di azioni concrete: ad esempio, garantire la rimborsabilità dei farmaci per smettere di fumare come già accade in paesi come la Gran Bretagna, secondo quanto affermato dal direttore in persona.

    Questo, poi, a medio-lungo termine, tornerebbe comunque a favore dei bilanci dello stato, se si pensa a quanto si contribuirebbe a diminuire le malattie e le complicanze relative al fumo di sigaretta, con tutti i costi che queste comportano alla Sanità.

    Paesi come la Gran Bretagna, infatti, ha finanziato il rimborso dei farmaci utili per smettere di fumare, decidendo che conviene investire in tal senso perché il costo delle patologie fumo-correlate nella popolazione sarebbe di gran lunga maggiore. In tal caso l’obiettivo è quello di dimezzare il numero dei fumatori, ma ci accontenteremmo sicuramente anche di un risultato più modesto, sicuri dei tanti benefici che ne deriverebbero per la salute!