Il sonno in più non si perde, ma si mette da parte!

da , il

    Il sonno in più non si perde, ma si mette da parte!

    Chi non ama dormire? Sarà che il sonno ci permette di recuperare energie psico-fisiche, è di sicuro una delle cose che ci piace fare di più. Purtroppo con i ritmi frenetici della vita quotidiana non sempre è possibile farlo tanto e farlo bene. Anche i disturbi del sonno sono sempre più frequenti. C’è uno studio, però, che di sicuro non potrà non far piacere ai dormiglioni! Si tratta di una ricerca da cui si ricava che chi dorme di più non perde le ore passate tra le braccia di Morfeo ma, anzi, le immagazzina come una sorta di scorta personale. In altre parole, chi dorme di più è come se mettesse le ore di sonno in una sorta di cassaforte.

    Per lo studio sono stati esaminati 11 uomini e 13 donne. A metà di questi volontari è stato chiesto di mettersi a letto alle nove e dormire per dieci ore a notte per sette giorni. A tutti gli altri, invece, di mantenere le loro abitudini legate al sonno. Dopo una settimana tutti i volontari sono stati obbligati a dormire per sole tre ore a notte. Nella settimana successiva tutti i volontari sono poi stati sottoposti ad una serie di esercizi cognitivi per considerare gli effetti del debito di sonno (della settimana in cui avevano dormito per sole tre ore a notte).

    E’ stato rilevato che chi aveva dormito la settimana precedente per dieci ore a notte ha risentito meno degli altri volontari della carenza di sonno, non solo in termini di capacità cognitive ma anche il recupero delle ore di sonno era molto più rapido. Questo studio può rivelarsi particolarmente utile per chi svolge un lavoro impegnativo e necessita di ore di sonno extra di sonno prima di un turno.