Linguaggio del corpo, come si mente

da , il

    Linguaggio del corpo, come si mente

    Gli studi sul linguaggio del corpo sono sempre più ricchi di spunti e riflessioni. Non si può parlare forse di vera e propria scienza ma è anche vero che sempre di più si trovano corrispondenze tra i comportamenti esterni e le emozioni più nascoste dell’animo. Secondo i sostenitori di questi studi infatti mentire è più facile con le parole che con i gesti. Il corpo parla cioè una lingua che dà voce alle emozioni più profonde e più vere: esprime cioè quello che le parole non sanno o non vogliono dire. Quindi, osservare attentamente il nostro interlocutore e i gesti che fa nel corso della conversazione, ci fornisce qualche indizio in più sulla sua sincerità o…non sincerità!

    Vi elencherò alcuni gesti in particolare che risultano essere indiziari di una bugia. Questo non vuol dire, si badi, che necessariamente quando assistete ad uno di essi nel corso di una conversazione, il vostro interlocutore vi sta mentendo, ma con un po’ di fiducia in questa disciplina, possiamo dire che sono indizi da valutare insieme al comportamento e alle parole complessive. Essi possono anche denotare dubbio o insicurezza su ciò che si sta dicendo ma anche che la persona con cui state conversando sta esagerando o nascondendo la realtà e quindi…sta mentendo! Tra i comportamenti rivelatori molti hanno a che fare col viso e la posizione delle mani.

    Tra questi, portarsi la mano davanti alla bocca (come per coprire uno sbadiglio) è sicuramente quello più evidente. Anche strofinare il mento, portare la mano alla bocca, chiusa a forma di pugno (come per coprire un colpo di tosse) mentre si conversa sono indizi rilevanti. Ancora, sfiorarsi il naso o gli occhi (nelle donne anche quando viene strofinato un occhio come per aggiustare il trucco). Le donne invece devono stare attente quando l’uomo si allenta il colletto della camicia o il nodo della cravatta! Ovviamente oltre a questi gesti tenete sempre conto delle parole e dello sguardo. Fate attenzione quando è sfuggente! Ma questa regola la abbiamo di sicuro già constatata in molti!