Pillola del giorno dopo: gli effetti sul ciclo

da , il

    Pillola del giorno dopo: gli effetti sul ciclo

    La pillola del giorno dopo ha innegabilmente controindicazione: quali sono gli effetti sul cilo mestruale e sull’organismo di chi l’assume? Abbiamo già affrontato in diversi articoli il discorso sulla diffusione della pillola del giorno dopo che, sebbene divida ancora l’ opinione pubblica, è di fatto un metodo contraccettivo (ricordiamo, non abortivo!) molto diffuso.

    Questo però non significa che sia una pillola da prendere sottovalutandone gli effetti sul corpo: la pillola del giorno dopo deve essere assunta solo in casi di emergenza, a seguito di un rapporto sessuale accidentalmente non protetto (ad esempio se si scopre che il preservativo era rotto). Non dimentichiamo infatti che la pillola del giorno dopo contiene ormoni progestinici, necessari per bloccare temporaneamente l’eventuale ovulazione in corso e quindi non può essere considerata una semplice alternativa ai classici contraccettivi.

    In realtà i sintomi più comuni manifestati dopo l’assunzione della pillola del giorno dopo sono di lieve entità: acne, nausea, mal di testa e, nelle persone più sensibili, casi di vomito (in caso di vomito nelle prime tre ore occorre riprendere un’altra dose).

    Non è detto che ci siano problemi sul ciclo mestruale, cosa che preoccupa tantissimo le numerose giovanissime che richiedono questo contraccettivo. Anche se le mestruazioni arrivano puntuali e mantengono la stessa durata il flusso sarà probabilmente notevolmente più abbondante. Questo non deve preoccupare. Molto comune è l’arrivo anticipato delle successive mestruazioni. E se invece il ciclo salta? Nel caso in di amenorrea o di ritardo maggiore a cinque giorni è consigliabile fare un test di gravidanza per scongiurare del tutto ogni dubbio e consultare un medico per una visita ginecologica.