Prolasso della mitrale: eseguito il primo intervento a cuore battente

da , il

    Prolasso della mitrale: eseguito il primo intervento a cuore battente

    Grande successo della chirurgia italiana: per la prima volta nel nostro Paese è stato eseguito un intervento per riparare la valvola mitrale con una nuova tecnica mininvasiva che permette di operare a cuore battente. L’equipe che l’ha eseguito è quella del professor Mauro Rinaldi, coadiuvata da quelle dei colleghi Fiorenzo Gaita e Sebastiano Marra all’ospedale Molinette di Torino, che ha operato in questo modo innovativo un uomo di 52 anni con una severa insufficienza mitralica dovuto ad un prolasso della valvola.

    Uno degli ultimi interventi chirurgici che ha fatto tanto parlare di sé è stato quello contemporaneo di trachea e laringe; ora è il caso della cardiochirurgia, tipicamente caratterizzata da interventi invasivi e che oggi, invece, viene alla ribalta proprio in senso opposto, grazie a tecniche di chirurgia mininvasiva.

    In sostanza l’intervento è stato eseguito senza la sternotomia (ovvero l’apertura dello sterno) come accadeva in precedenza e senza ricorrere alla circolazione extracorporea, ma a cuore battente. In questo modo sono state applicate tre neocorde in goretex dall’apice del ventricolo sinistro.

    Oltre alle modalità, sicuramente innovative, ottima anche la degenza di soli quattro giorni anziché otto, come accade dopo un intervento eseguito con tecnica tradizionale. Nonostante ciò, però, si tratta ancora di un’operazione in fase sperimentale che per ora ha visto un lungo periodo di osservazione solo sugli animali.

    Speriamo che presto diventi la normalità.