Prurito agli occhi: cause e rimedi

da , il

    Prurito agli occhi: cause e rimedi

    Il prurito agli occhi può avere diverse cause. Ma, quali sono i rimedi possibili in questi casi? Il prurito agli occhi è un disturbo abbastanza frequente che può dipendere da patologie, come l’orzaiolo, piuttosto che da agenti atmosferici, come il vento, il freddo e il calo delle temperature. Non a caso questo disturbo compare più spesso in inverno quando, appunto, le basse temperature causano secchezza anche agli occhi. Ma, quali sono le altre cause possibili?

    Cause

    Il prurito agli occhi può avere numerose cause: esposizione prolungata allo schermo del computer, mancata protezione degli occhi con gli occhiali da sole (che vanno indossati in tutte le stagioni e non solo in estate), presenza di un corpo estraneo nell’occhio, secchezza oculare, vento e altri agenti atmosferici, uso eccessivo delle lenti a contatto e alcune patologie (come l’orzaiolo e la congiuntivite allergica). Quando i sintomi sono blandi non c’è eccessivamente da preoccuparsi. Quando, invece, tendono a persistere per molto tempo, si consiglia di consultare il medico, che consiglia i rimedi più adatti.

    Rimedi

    I rimedi per il prurito agli occhi sono diversi e dipendono, chiaramente, dalla causa scatenante. Se il problema sono le lenti a contatto, ad esempio, basterà utilizzarle per non più di sei ore al giorno. Anche distogliere spesso lo sguardo dal monitor del computer, in modo da far riposare gli occhi, è consigliabile a chi ci lavora per molto tempo. Inoltre si consiglia, comunque, di tanto in tanto, di chiudere le palpebre per favorire l’umidificazione degli occhi (questo soprattutto in caso di secchezza oculare). Ancora, il medico potrebbe consigliare l’uso di un collirio calmante o delle lacrime artificiali, soprattutto in caso di congiuntivite allergica o altre patologie. Tra i rimedi naturali, invece, gli impacchi di camomilla, che hanno un’azione lenitiva e calmante. Altro consiglio è quello di non strofinare gli occhi. Al di à di queste raccomandazioni generiche, comunque, se il disturbo persiste è necessaria una visita oculistica per fugare ogni dubbio e avere il consiglio di un esperto. Il dubbio, infatti, è che si possa essere sviluppata qualche patologia più importante.