Rischi per la salute in cucina: le radiazioni del microonde sono pericolose?

da , il

    Rischi per la salute in cucina: le radiazioni del microonde sono pericolose?

    Il forno a microonde sta acquisendo popolarità in Italia solo di recente, soprattutto grazie al fatto che permette di riscaldare e scongelare cibi rapidamente. Ora che a casa non ci sono più le mamme o le mogliettine a far trovare la minestra pronta, tutti devono adeguarsi! Certo, rispetto al resto d’Europa e agli USA il nostro utilizzo resta limitato, nonostante l’aumento del numero delle vendite faccia presagire una presenza sempre maggiore del microonde nelle nostre abitudini alimentari. Ma il forno a microonde è pericoloso, o tutto ciò di malvagio che si dice sul suo conto è leggenda? Scopriamolo.

    Le radiazioni del microonde sono pericolose?

    Allora, già dal nome si intuisce qualcosa c’è: per scaldare i cibi, infatti, il forno usa le onde radio ad alta frequenza che, passando attraverso la carta, la plastica ed il vetro, muovono le molecole del cibo molto velocemente, in modo da creare calore. Ora, il tipo di radiazioni emesse sono non ionizzanti, quindi non comportano un rischio serio per il nostro organismo, come farebbero quelle ionizzanti (per capirsi le radiazioni dei raggi X o delle centrali nucleari). Tuttavia, è sempre bene prestare attenzione, poiché alcuni forni a microonde, soprattutto quelli di vecchia data o difettosi, potrebbero avere delle perdite radioattive che a lungo andare risultano nocive per il corpo umano, in particolare per occhi e tessuti. Quindi, nel dubbio, e per precauzione, è consigliato tenersi sempre a distanza dal forno mente sta scaldando i cibi, soprattutto bisogna tenere alla larga i bambini, i più predisposti ad assorbire radiazioni.

    Le radiazioni in sé per sé non sono dunque nocive; in ogni caso sempre meglio comprare un forno certificato e utilizzarlo per l’essenziale, nei casi insomma estremi. Dopotutto, quanto ci vuole per preparare un buon piatto di pasta salutare? Corriamo, corriamo sempre, ogni tanto prendiamoci un po’ di tempo per la nostra salute!