Smog: i cibi che contrastano gli effetti nocivi

da , il

    Smog: i cibi che contrastano gli effetti nocivi

    L’inquinamento atmosferico è un problema delle città contemporanee. Gli agenti tossici hanno notevoli ripercussioni sull’organismo in particolare sul sistema respiratorio e cardiocircolatorio. Per comprendere l’entità del problema basta ricordare qualche dato. Si stima che un bambino su tre a Roma soffre di malattie respiratorie. Non va meglio nel capoluogo lombardo dove i bambini si ammalano più che in tutto il resto d’Italia. Anche L’agenzia europea per l’ambiente conferma questi dati. L’agenzia indica tra le 30 città europee per il superamento dei limiti di polveri sottili, biossido di azoto e ozono, ben 17 italiane.

    Le città del nostro Paese in cui si respira peggio sono Torino, Brescia e Milano. In questi centri si registrano anche i maggiori danni a carico della salute dei cittadini e ovviamente ad essere maggiormente responsabili delle emissioni dannose sono i veicoli su ruota. Per contrastare gli effetti negativi dell’inquinamento atmosferico sul nostro organismo possiamo optare per un particolare regime alimentare che ci immunizzi dall’attacco degli agenti responsabili. Un ruolo focale hanno di sicuro gli antiossidanti, che però andrebbero mantenuti facendo attenzione anche alle modalità di cottura e preparazione dei cibi che li contengono maggiormente.

    Tra gli alimenti più utili, la frutta e la verdura. Mele, arance, kiwi, ma anche mirtilli, prugne, porri, cipolle, carote, finocchi e cavoli sono quelli privilegiati nella lotta anti-smog. Al carrello possiamo aggiungere anche il salmone, fonte per eccellenza di acidi grassi omega 3 che hanno un’azione antinfiammatoria e sono utili per la produzione di anticorpi.